Tenere lontani i parassiti dal cane: come fare

Sai che i parassiti possono essere davvero pericolosi per il tuo cane? Per colpa loro può contrarre pericolose patologie, che nel peggiore dei casi possono condurre persino al decesso. Per questo è fondamentale usare degli antiparassitari per cani, prodotti che proteggono la salute del nostro animale domestico.

Nelle prossime righe troverete tutte le informazioni di cui avete bisogno per operare della buona prevenzione.

Cosa sono gli antiparassitari?

Gli antiparassitari sono dei prodotti chimici, che non intaccano in nessun modo la salute del cane. La loro unica azione è proprio contro i parassiti, come pulci e zecche. L’effetto di questi prodotti è duplice: eliminare l’infestazione presente e prevenire i problemi futuri.

Di solito, se il nostro cane ha i parassiti, si applica un antiparassitario spray con azione immediata. Basta spruzzarlo sul corpo del proprio animale domestico per eliminare in poche ore tutte le creature presenti sul suo pelo e sulla cute. 

Dopodiché è importante continuare a proteggere l’animale, applicando delle soluzioni che abbiano una maggiore efficacia nel tempo. Molti consigliano le moderne soluzioni in gocce, come gli antiparassitari spot-on. 

Queste soluzioni hanno una durata mediamente di un mese, per cui è importante applicare periodicamente l’antiparassitario. Vi consigliamo di segnare sul calendario quando arriverà il momento di utilizzare di nuovo il prodotto.

Altre forme di prevenzione

Oltre agli antiparassitari, è importante tenere il proprio animale domestico ben lontano da luoghi a rischio. Pulci, zecche e pappataci tendono a vivere nelle aree dove prolifera l’erba alta, e dove c’è una certa quantità di sporco. Per questo vi suggeriamo di non andare in aperta campagna con il vostro cane, e di evitare anche i parchi e le aree verdi meno curate.

Lo stesso vale per il proprio giardino, spesso l’habitat principale in cui si muove il cane per buona parte della giornata. Bisogna tagliare costantemente l’erba, e tenere il giardino ben pulito.

In più vi suggeriamo di controllare periodicamente se sul cane sono presenti eventuali parassiti. Le zecche sono piuttosto facili da riconoscere, perché possono raggiungere una grandezza di mezzo centimetro. Inoltre hanno un certo spessore, per cui accarezzando il cane dovremmo riuscire a percepire la loro presenza. Anche un esame del sangue per conoscere se il nostro cane è stato attaccato dalla filaria come ti spiego in questo articolo può essere una mossa di prevenzione astuta e obbligatoria da fare.

Le pulci sono più piccole, e su un cane dal pelo lungo e scuro è difficile riconoscerle. In questo caso vi raccomandiamo di fare attenzione al prurito: se il vostro cane si gratta troppo potrebbe avere una vera e propria infestazione da pulci.

Quali sono i rischi?

I rischi non sono certo pochi. I parassiti possono essere vettori di pericolose malattie, e a volte è difficile riconoscerle, perché mostrano i loro sintomi solo dopo diverso tempo. Questo è il caso della leishmaniosi canina, trasmessa dai pappataci. Questa malattia può restare silente per diverso tempo, iniziando nel frattempo a intaccare gli organi interni del nostro cane. Se non presa in tempo, può portare addirittura al decesso.

Anche le pulci possono nascondere delle insidie da non sottovalutare. Il prurito può spingere il cane a grattarsi talmente tanto da generare delle ferite, da cui poi possono entrare batteri e virus di vario genere. In caso di ferite, non dimenticate di disinfettare al meglio, proseguendo con la pulizia finché non si saranno richiuse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.